Il Concorso letterario nazionale “Lo sguardo dell’Aquila” giunto alla sua 8° edizione si colloca tra gli eventi del Festival dei Giovani delle Dolomiti Friulane,

Progetto attivo dal 2003 ideato e curato dall’UTI delle Valli e delle Dolomiti Friulane con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e con il Patrocinio delle Fondazione Dolomiti UNESCO e del CAI Regione Friuli Venezia Giulia. 

Presentato il 23 di Novembre 2019 a Cimolais, il concorso si rivolge a scrittori giovani 812- 25 anni e adulti, con particolare attenzione alle Scuole secondarie di primo e secondo grado di tutta Italia.

La finalità del Concorso è quella di stimolare la lettura e la capacità di scrittura dei giovani e dei loro talenti creativi, ma anche di favorire la conoscenza e la sensibilizzazione verso le tematiche della montagna.

Si pone con particolare attenzione ai giovani e al territorio delle Valli e delle Dolomiti Friulane e della Carnia, attraverso l’avvicinamento alla scrittura come mezzo di comunicazione, la valorizzazione delle competenze dei giovani ed il coinvolgimento di giovani locali, regionali e su scala nazionale su di un’unica tematica.

Prevede la presentazione di un racconto breve inedito in lingua italiana riguardante gli spazi, la visuale, i territori, la gente, le tradizioni e gli usi e costumi della montagna, i sentimenti e le emozione che genera il vivere ed il frequentare la montagna in tutte le sue declinazioni che potranno essere trattate con libertà di forma, di espressione e di linguaggio tenendo presente il tema di questa edizione che trae ispirazione dal decennale del riconoscimento delle Dolomiti Patrimonio mondiale UNESCO.

Vuole infatti approfondire  “Dolomiti patrimonio Comune” inteso come luogo della comunità, in cui la comunità ha un forte valore intrinseco, ma anche un bene di tutti, un bene globale da custodire, valorizzare, vivere, promuovere. Patrimonio fatto di biodiversità, paesaggi, persone, lingue, volti.

Il Bene Dolomiti appartiene a tutti: a chi sulle Dolomiti ci è nato, a chi le frequenta come meta di vacanza, a chi le conosce dai libri, dalle riviste, dal cinema e dalla televisione, a chi ne ha anche solo sentito parlare o le ha studiate nelle loro caratteristiche geologiche, geomorfologiche, naturalistiche, paesaggistiche, culturali, sportive, sociali, economiche.

“Le Dolomiti sono largamente considerate tra i più bei paesaggi montani del mondo. La loro intrinseca bellezza deriva da una varietà di spettacolari conformazioni verticali – come pinnacoli, guglie e torri – che contrastano con superfici orizzontali – come cenge, balze e altipiani – e che s’innalzano bruscamente da estesi depositi di falda detritica e rilievi dolci ed ondulati. […] Lo scenario caratteristico delle Dolomiti è divenuto l’archetipo del “paesaggio dolomitico”. I pionieri della geologia sono stati i primi ad essere catturati dalla bellezza di queste montagne: i loro scritti, e le successive opere pittoriche e fotografiche, evidenziano ulteriormente lo straordinario fascino estetico di tutto il bene.”

“Dichiarazione di eccezionale valore universale” redatta dall’UNESCO

Al Concorso i giovani possono partecipare in “autonomia” nelle SEZIONI:

“JUNIOR” – ragazzi dai 12 ai 17 anni compiuti; sezione “SENIOR” –   dai 18 ai 25 anni compiuti; e nella sezione SCUOLE con gli Istituti Scolastici dalle Scuole Secondarie di Primo grado e alle Scuole di Secondo Grado aventi sede nel territorio nazionale. I racconti potranno essere inviati da parte degli insegnanti come studenti singoli o come gruppo in questo caso verranno valutati e premiati come Istituti Scolastici.

Come ogni edizione anche in questa una particolare attenzione ai giovani scrittori locali con un Premio speciale TERRITORIO che la giuria si riserverà di assegnare ai giovani partecipanti residenti nel territorio dell’UTI delle Valli e Dolomiti Friulane e dell’UTI della Carnia.

Queste edizione prevede un Premio speciale scuole Secondarie di secondo grado nell’ambito del gemellaggio letterario e territoriale IIS “Torricelli” di Maniago e Liceo “Casardi” di Barletta. Rimane anche la sezione “Adulti” avviata nella precedente edizione aperta a tutti senza distinzione di età e provenienza.

La GIURIA sarà composta da insegnanti, esperti di comunicazione, rappresentanti dell’UTI delle Valli e delle Dolomiti Friulane e avrà come criteri di valutazione: l’originalità, lo sviluppo del tema, l’efficacia comunicativa.

La premiazione avverrà il 23 maggio 2020 a Cimolais e per l’occasione si presenterà un autore che verrà reso noto i prossimi mesi, la lettura dei racconti vincitori e/o altri eventi correlati.

I racconti vincitori e segnalati ed una selezione di racconti saranno pubblicati in un’antologia facente parte della collana “I racconti dello Sguardo dell’Aquila”.

La partecipazione al concorso è gratuita, ogni autore può partecipare al concorso con un solo racconto. Le iscrizioni tramite compilazione della scheda scaricabile on-line sul sito www.festivalgiovanidolomiti.it, il racconto/i in formato pdf, documento di identità (pdf) dovranno pervenire esclusivamente tramite email all’indirizzo: cultura@vallidolomitifriulane.utifvg.it entro il 17 APRILE 2020, ore 12.00.

In seguito alle esperienze positive delle precedenti edizioni verranno organizzati degli incontri con autori, scrittori, giornalisti esperti della comunicazione all’interno degli Istituti Scolastici del territorio in collaborazione con la Libreria Baobab.

Il primo appuntamento alla presentazione il 23 Novembre 2029 ha visto la partecipazione di MATTEO MELCHIORRE e NELSO SALTON, e nelle Scuole il 21 Gennaio all’ Istituto Superiore E. Torricelli di Maniago ospite della manifestazione lo scrittore LUIGI BALLERINI che ha incontrato gli studenti delle classi 2°, 3°, 5°.

A seguito dell’emergenza Covid-19 il termine per l’invio dei racconti è stato prorogato al 15 maggio 2020.

La premiazione è stata rinviata a data da destinarsi.

IL REGOLAMENTO: