#festivalgiovanidelledolomiti2019

23-24 Marzo 2019_Andreis

Giovani per il futuro – Vivere nelle Dolomiti

Lo scorso fine settimana il Festival dei Giovani delle Dolomiti 2019 ha visto ad Andreis la realizzazione della due giorni sul tema “Vivere le Dolomiti”, organizzata dall’Uti delle Valli e delle Dolomiti Friulane con il sostegno del servizio biodiversità della Direzione Centrale risorse agroalimentari, forestali e ittiche della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia nell’ambito dei territori Dolomiti Unesco.

E’ stata un’esperienza straordinaria ed emozionante.

Straordinaria per il valore di ciascuno dei giovani protagonisti, portatori di idee, sogni, energia e progetti per il futuro. Giovani ricchi di contenuti e di entusiasmo provenienti dal territorio circostante – Maniago, Frisanco, Vajont, Tramonti – consapevoli della ricchezza di questa area, nei suoi pregi e nei suoi limiti.

Durante la giornata di sabato i 20 ragazzi hanno avuto l’occasione di immergersi in un continuo susseguirsi di attività e momenti formativi finalizzati alla produzione e valorizzazione delle loro idee, competenze e visioni di futuro, in quello che è il territorio delle Dolomiti Friulane.

Attraverso l’esperienza dei conduttori Guido Zovico, Lucy Fenech e Luisa Perini, il percorso ha portato a toccare tematiche quali la storia, le risorse e le peculiarità di queste valli, ma anche la realizzazione dei propri sogni, il passaggio da idea a start up di impresa, la condivisione e il fare rete, tutto in un’ottica di fattibilità e progettazione concreta. Attività pratiche e spunti teorici si sono intervallati dando ritmo e fluidità al programma: un laboratorio musicale che ha prodotto il testo di una canzone con Marco Anzovino, un laboratorio artistico finalizzato al recupero e trasformazione di oggetti di scarto e rifiuti in oggetti di arredo con Lucy Fenech, un laboratorio video per la produzione di idee e percorsi utilizzando la videocamera, ma anche modalità di comunicazione di tradizioni e di identità con Francesco Guazzoni, un laboratorio teatrale con Jimmy Baratta.

La domenica mattina il gruppo ha prodotto idee e progetti di sviluppo da potersi realizzare nei prossimi mesi; spaziando notevolmente nelle tematiche sono emerse idee legate al turismo sostenibile, allo sport e al movimento, alla creazione di spazi creativi e aggregativi, a progetti di animazione e recupero delle tradizioni, alla valorizzazione dell’identità del territorio e delle persone. Indubbiamente da tutti è emerso un forte interesse per questo ambiente, collegato al sentimento volto a preservare e migliorare il territorio montano e vivacizzare le comunità residenti, per poterle vivere intensamente anche nel futuro.

Il Presidente dell’Uti Andrea Carli ha avuto modo di incontrare l’intero gruppo e condividere prospettive e attività, anche in vista del prossimo appuntamento del Festival delle Dolomiti, previsto per luglio 2019, confermando la volontà di portare avanti politiche di sviluppo legate ai giovani e al loro desiderio di vivere le Dolomiti.

Dai cuori dei partecipanti sono uscite molte espressioni di apprezzamento e di bellezza con le quali hanno sintetizzato la loro esperienza: #complicità, #condivisione, #unione, #speranza, #entusiasmo, #desiderio, #fiducia.

Le attività proseguiranno le prossime settimane con incontri, laboratori, eventi tra cui: la formazione di un gruppo informale di “sensibilizzazione all’ambiente” che promuoverà buone prassi all’interno di giornate ecologiche programmate nei Comuni ( 31 marzo Travesio / 6 aprile Maniago ), l’11 aprile un incontro progettuale con tutti i giovani interessati, il 27 aprile la registrazione di una canzone presso la sala prove di Vajont, il 19 maggio a Tramonti di Sopra un momento laboratoriale all’interno di una manifestazione di preparazione della prossima edizione del Festival dei Giovani.

Un ringraziamento va a tutti coloro – nel complesso ben circa 50 persone – hanno partecipato e altri che hanno reso possibile questo evento tra: staff operatori, ospiti, Agesci di Pordenone – per la splendida struttura che ci ha ospitato – il Consorzio Pro Loco Dolomiti Friulane e Magredi, che con i suoi volontari ha contribuito alla riuscita delle due giornate, suggellando così un significativo ponte intergenerazionale.

Uff. Funzioni Cultura, Biblioteche, Politiche Giovanili

Uti delle Valli e delle Dolomiti Friulane Via Venezia 18/a tel. 0427-76038 int. 1 33085 Maniago – Pn cultura@vallidolomitifriulane.utifvg.it www.festivalgiovanidolomiti.it www.vallidolomitifriulane.it

#festivalgiovanidelledolomiti2019

23-24 Marzo 2019_Andreis

Giovani per il futuro – Vivere nelle Dolomiti

Lo scorso fine settimana il Festival dei Giovani delle Dolomiti 2019 ha visto ad Andreis la realizzazione della due giorni sul tema “Vivere le Dolomiti”, organizzata dall’Uti delle Valli e delle Dolomiti Friulane con il sostegno del servizio biodiversità della Direzione Centrale risorse agroalimentari, forestali e ittiche della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia nell’ambito dei territori Dolomiti Unesco.

E’ stata un’esperienza straordinaria ed emozionante.

Straordinaria per il valore di ciascuno dei giovani protagonisti, portatori di idee, sogni, energia e progetti per il futuro. Giovani ricchi di contenuti e di entusiasmo provenienti dal territorio circostante – Maniago, Frisanco, Vajont, Tramonti – consapevoli della ricchezza di questa area, nei suoi pregi e nei suoi limiti.

Durante la giornata di sabato i 20 ragazzi hanno avuto l’occasione di immergersi in un continuo susseguirsi di attività e momenti formativi finalizzati alla produzione e valorizzazione delle loro idee, competenze e visioni di futuro, in quello che è il territorio delle Dolomiti Friulane.

Attraverso l’esperienza dei conduttori Guido Zovico, Lucy Fenech e Luisa Perini, il percorso ha portato a toccare tematiche quali la storia, le risorse e le peculiarità di queste valli, ma anche la realizzazione dei propri sogni, il passaggio da idea a start up di impresa, la condivisione e il fare rete, tutto in un’ottica di fattibilità e progettazione concreta. Attività pratiche e spunti teorici si sono intervallati dando ritmo e fluidità al programma: un laboratorio musicale che ha prodotto il testo di una canzone con Marco Anzovino, un laboratorio artistico finalizzato al recupero e trasformazione di oggetti di scarto e rifiuti in oggetti di arredo con Lucy Fenech, un laboratorio video per la produzione di idee e percorsi utilizzando la videocamera, ma anche modalità di comunicazione di tradizioni e di identità con Francesco Guazzoni, un laboratorio teatrale con Jimmy Baratta.

La domenica mattina il gruppo ha prodotto idee e progetti di sviluppo da potersi realizzare nei prossimi mesi; spaziando notevolmente nelle tematiche sono emerse idee legate al turismo sostenibile, allo sport e al movimento, alla creazione di spazi creativi e aggregativi, a progetti di animazione e recupero delle tradizioni, alla valorizzazione dell’identità del territorio e delle persone. Indubbiamente da tutti è emerso un forte interesse per questo ambiente, collegato al sentimento volto a preservare e migliorare il territorio montano e vivacizzare le comunità residenti, per poterle vivere intensamente anche nel futuro.

Il Presidente dell’Uti Andrea Carli ha avuto modo di incontrare l’intero gruppo e condividere prospettive e attività, anche in vista del prossimo appuntamento del Festival delle Dolomiti, previsto per luglio 2019, confermando la volontà di portare avanti politiche di sviluppo legate ai giovani e al loro desiderio di vivere le Dolomiti.

Dai cuori dei partecipanti sono uscite molte espressioni di apprezzamento e di bellezza con le quali hanno sintetizzato la loro esperienza: #complicità, #condivisione, #unione, #speranza, #entusiasmo, #desiderio, #fiducia.

Le attività proseguiranno le prossime settimane con incontri, laboratori, eventi tra cui: la formazione di un gruppo informale di “sensibilizzazione all’ambiente” che promuoverà buone prassi all’interno di giornate ecologiche programmate nei Comuni ( 31 marzo Travesio / 6 aprile Maniago ), l’11 aprile un incontro progettuale con tutti i giovani interessati, il 27 aprile la registrazione di una canzone presso la sala prove di Vajont, il 19 maggio a Tramonti di Sopra un momento laboratoriale all’interno di una manifestazione di preparazione della prossima edizione del Festival dei Giovani.

Un ringraziamento va a tutti coloro – nel complesso ben circa 50 persone – hanno partecipato e altri che hanno reso possibile questo evento tra: staff operatori, ospiti, Agesci di Pordenone – per la splendida struttura che ci ha ospitato – il Consorzio Pro Loco Dolomiti Friulane e Magredi, che con i suoi volontari ha contribuito alla riuscita delle due giornate, suggellando così un significativo ponte intergenerazionale.

Uff. Funzioni Cultura, Biblioteche, Politiche Giovanili

Uti delle Valli e delle Dolomiti Friulane Via Venezia 18/a tel. 0427-76038 int. 1 33085 Maniago – Pn cultura@vallidolomitifriulane.utifvg.it www.festivalgiovanidolomiti.it www.vallidolomitifriulane.it