SCONFINARE il video dei ragazzi di Meduno

By admin, 28 luglio 2016

 

Video  realizzato con i ragazzi a Meduno durante il Festival dei Giovani delle Dolomiti durante il 2016. Seguiti da Marco Anzovino i ragazzi hanno espresso i loro pensieri sul tema ‪#‎SCONFINI‬ del Festival
frasi profonde che sono state trasformate in musica e parole.

Il progetto nato all’interno delle Politiche Giovanili della Comunità Montana del Friuli Occidentale e co-finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia nel settore Cultura.

Immagini video sono frutto del lavoro realizzato con Francesco Guazzoni.

———————————————————————————-

Festival dei Giovani delle Dolomiti 2016 #SCONFINI
Spazio Giovani Comunità Montana del Friuli Occidentale
Regione Friuli Venezia Giulia

“SCONFINARE” emozioni musica sogni
dal workshop con i ragazzi delle Scuole Medie di Meduno
canzoni e video tratti dai laboratori condotti da Marco Anzovino & Francesco Guazzoni
coordinamento Luisa Perini
“SCONFINARE”

Sconfinata nel buio
delle parole
sulla pelle ferite
guarite dal sole

Camminando su mani
oltrepasserò il ponte
che separa i miei occhi
dagli occhi tuoi
Trovare il tempo
per sentire dentro di me
trovare spazi
che non conoscevo di me

Sconfinata la luna
in mezzo al nulla
il silenzio mi porta la pace, mi porta da te

E’ un viaggio per andare oltre
la visibilità
sconfinare vuol dire cercare la felicità

Trovare il tempo
per sentire dentro di me
trovare spazi che non conoscevo di me

E rinasco così
nel respiro profondo
scappando per una volta
dall’orbita del mio mondo
oltre il muro del suono
oltre quello che sono
e rinasco per me
con questa forza che c’è

Sconfinata paura
nei miei pensieri
e non avere più ostacoli nei desideri
darsi la mano attraverso un muro
che ci divide a metà
sopra le nuvole
ritrovarci al di la

Lasciarsi andare come il vento fa sulle foglie
scoprire spazi che non conoscevo di me

E rinasco così
nel respiro profondo
scappando per una volta
dall’orbita del mio mondo
oltre il muro del suono
oltre quello che sono
e rinasco per me
con questa forza che c’è
E finalmente distruggo
le barriere e catene
che mi tenevan legata
a ciò che non mi appartiene
e mi lascio alle spalle
tutto quello che è perso
vivo solo il presente
sotto un cielo che è terso

E rinasco così
nel respiro profondo
scappando per una volta
dall’orbita del mio mondo
oltre il muro del suono
oltre quello che sono
e rinasco per me
con questa forza che c’è

What do you think?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *