15 e 20 Febbraio Giuseppe Festa & Alessandra Beltrame

By admin, 9 febbraio 2018

    

15 Febbraio

Giuseppe Festa – Cento passi per Volare, Salani

Ore 9.00 Scuole Medie di Claut

 

Al via gli incontri previsti all’interno del 7° Ed. del Premio letterario “Lo Sguardo dell’Aquila”, il concorso rivolto a scrittori di montagna e giovani autori all’interno del Festival dei Giovani delle Dolomiti con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ed il Patrocinio delle Fondazione Dolomiti Unesco, in partnership con la Libreria Baobab e la Fondazione Pordenonelegge.it. La manifestazione vede aprire gli incontri il 15 Febbraio 2018, con Giuseppe Festa – appassionato musicista e autore del gruppo Lingalad con L’ombra del gattopardo” e La luna è dei lupi”, che presenterà ai ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Montereale Valcellina nella Scuola di Claut

————————————————————-

20 Febbraio

Alessandra Beltrame – Io Cammino da Sola, Ediciclo

Ore 11.00 Istituto Superiore I.S.I.S. di Spilimbergo

Ore 20.30 Villa Savorgnan a Lestans di Sequals

Via G. Ciani, 3  Lestans

Sarà il 20 Febbraio invece nuovamente ospite della rassegna la giornalista e scrittrice Alessandra Beltrame – con un momento importante di approfondimento sulla scrittura assieme ai ragazzi delle Seconde Classi della Scuola Superiore dell’I.S.I.S. di Spilimbergo.

L’autrice presenterà, inoltre alle ore 20.30, nella splendida cornice di Villa Savorgnan a Lestans di Sequals, il suo libro “Io cammino da sola”.

Alessandra Beltrame giornalista, per i più importanti gruppi editoriali, ha per ben due volte lasciato il così detto posto fisso per “vivere” e poi scrivere. Dal 2013 cammina, quando può appena può, zaino in spalla in compagnia del suo cane.

Diversi sono gli appuntamenti previsti per la 7^ edizione di un concorso che ogni anno non smette di stupire e offrirci occasioni per scoprire nuovi aspetti del territorio che quotidianamente viviamo e abitiamo. E’ possibile vedere gli aggiornamenti e le news del programma on-line sul sito www.festivagovanidolomiti.it e sulla pagina @festivaldeigiovanidelledolomiti.

 

 

————————————————————————————————————————————————

APPROFONDIMENTO AUTORI

 

Giuseppe Festa, Cento Passi per volare, Salani

 

Giuseppe Festa è laureato in Scienze Naturali e si occupa di educazione ambientale.

Appassionato musicista, è cantante e autore del gruppo Lingalad. La sua musica, carica di suggestioni evocate dal mondo naturale, ha incontrato un vasto consenso di critica e di pubblico e lo ha portato a esibirsi su prestigiosi palcoscenici internazionali, da New York a Bruxelles, da Toronto a Francoforte. Protagonista del premiato film documentario Oltre la Frontiera, è autore di diversi reportage sulla natura trasmessi dalla Rai. Ha pubblicato i romanzi Il passaggio dell’orso (Salani, 2013; Mondadori Scuola, 2014), L’ombra del gattopardo (Salani, 2014) e La luna è dei lupi (Salani, 2016) tradotti e pubblicati anche all’estero.

 

 

Alessandra Beltrame, Io Cammino Da Sola, Ediciclo 2017

 (Treviso, 1964) è giornalista. Vive tra Udine e Milano. Ha lavorato per i più importanti gruppi editoriali. Per due volte ha lasciato il cosiddetto posto fisso perché preferiva prima vivere, poi scrivere. Dal 2013 cammina quando può, appena può, zaino in spalla, a volte in compagnia del suo cane.

 

 

dare la vita e scegli di non farlo. Abbandoni il lavoro, abbandoni la casa e parti. E oggi, che sei sulla strada e senti per la prima volta il peso della solitudine

che ti ha accompagnata per tutta la vita, decidi di affrontarla, di capire perché la vuoi, la cerchi, la desideri così ardentemente.

Contro tutto e tutti.

 

“Io cammino da Sola”

Nonostante la carriera, la conquista di una posizione pubblica, le relazioni affettive, Alessandra non è felice. Sceglie di abbandonare il lavoro perché
non la rappresenta, lascia il compagno. Comincia a camminare, condividendo la strada con nuovi amici. Mette in moto il suo corpo, riacquista la posizione eretta. Cerca pace nella natura, scopre ritmi lenti, trova amori effimeri, vive il sesso con intensità e senza legami. Sceglie le antiche vie, solca a piedi i luoghi dove è stata bambina, prende la pioggia, la grandine, soffre sulle salite ma non si ferma. Camminare è calpestare la terra. È congiungersi alle radici.  La ripetizione ipnotica dei passi per ore, per giorni, per settimane sollecita la memoria.  Riaffiorano con forza gli eventi dell’infanzia e della giovinezza. Più ricorda e più sta in mezzo agli altri, più si destabilizza. Decide allora di affrontare la solitudine senza sconti: parte per un cammino da sola, in inverno. Si trova all’improvviso immersa in un viaggio interiore, dove ogni passo è diretto non tanto a una meta quanto alla scoperta di sé, delle proprie qualità, dei propri limiti. È una lotta per il raggiungimento di un equilibrio consapevole. Cercare il proprio posto nel mondo, dare un senso alla vita. lo cammino da sola è il libro che ogni spirito solitario dovrebbe leggere.

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *